ORIGINE DEL PESCE D'APRILE

 

 
     
 

  Origini del Pesce D'aprile 

 
     
     
  Il Primo Aprile in diversi paesi c'è la particolare usanza del Pesce d'aprile. In questo giorno vengono fatti scherzi anche piuttosto esagerati con lo scopo di mettere le persone in imbarazzo. L'usanza di burlarsi di qualcuno, appendendogli sulla schiena un pesce disegnato su carta, è una tradizione che ha origini molto antiche. Le origini di questa ricorrenza sono sconosciute: Attorno alla sua nascita si sono sviluppate, infatti, diverse teorie. Gli studiosi di tradizioni popolari forniscono diverse versioni, basate più su congetture teoriche che su dati antropologicamente provati, che avvolgono la nascita di questa tradizione in un alone di mistero.  
     
  Una delle ipotesi più accreditate negli ambienti accademici fa risalire l’origine del pesce d’aprile a un periodo antecedente al 154 a.c. quando il primo aprile all’epoca segnava l’inizio dell’anno. E la stessa cosa avveniva nel calendario giuliano introdotto da Giulio Cesare nel 46 a.c. dove il primo di aprile indicava l'inizio del solstizio di primavera. Per festeggiare la fine dell'inverno, i pagani usavano propiziare gli dei con doni e sacrifici in loro onore. La festa era anche occasione per esprimersi in massima libertà con lazzi, burle, buffonerie. Quando la chiesa soppresse la festa stabilendo l'inizio dell'anno il primo di gennaio, la vecchia tradizione continuò comunque a sopravvivere tra i pagani, che per questo venivano derisi e scherniti. Ciò che è certo è che In Europa, i festeggiamenti del primo d'aprile diventano usanza intorno alla fine del 1500, sono la Francia di re Carlo IX e la Germania degli Asburgo a dare il via. Da questi due paesi, la tradizione si diffonde poi in Inghilterra nel XVIII secolo e negli altri stati europei. In Italia l'usanza del primo d'aprile è relativamente recente, risale al 1860 1880. La prima città a essere contagiata dalle usanze fu Genova, importante porto commerciale. La tradizione si sviluppò prima tra i ceti medio alti, poi prese piede anche tra il resto della popolazione.  
     
  C'è poi un'altra teoria, si rifà invece al rito pagano, legato all’antico calendario giuliano, quando il primo di aprile segnava l’inizio del solstizio di primavera. Terminato l’inverno, l’avvento della stagione primaverile segnava il rinnovamento della terra e della vita. In quest’occasione, tra il 25 di marzo e il primo di aprile, si usava propiziare gli dèi offrendo doni e facendo sacrifici in loro onore. La festa era anche occasione per esprimersi in massima libertà con lazzi, burle e buffonerie. Con l’avvento del Cristianesimo, nell’Impero Romano feste di questo tipo furono sostituite con altre festività religiose al fine di far scomparire per sempre gli usi e le tradizioni pagane. Questo fu il destino che toccò anche alla festa del primo di aprile, rimpiazzata da quella della Pasqua. Le persone che, nonostante ciò, si ostinavano a festeggiare il vecchio rito pagano venivano ridicolizzate e fatte oggetto di scherzi e burle di ogni tipo.  
     
  Un’altra ipotesi, molto antica, si dice, per esempio, che il primo Pesce d'aprile sia stato ordito in Egitto, intorno al 40 a.c., addirittura da Cleopatra, quando sfidò l'amante Marco Antonio a una gara di pesca. Lui tentò di fare il furbo, incaricando un servo di attaccare all'amo una grossa preda che lo avrebbe fatto vincere. Cleopatra, scoperto il piano, ordinò di far abboccare un grosso finto pesce di pelle di coccodrillo.  
     
  Altra leggenda sulle origini del pesce d’aprile: Fino al 1564 in Francia l'anno cominciava il primo di aprile. In quell’anno, il re Carlo IX decise di modificare il calendario e, dopo di allora, l'anno iniziò il primo gennaio. Il 1° gennaio del 1565 tutti si fecero per la prima volta gli auguri di buon anno e si scambiarono i regali. Quando arrivò il 1° aprile, alcuni burloni decisero, per scherzo, di festeggiarlo ancora, ma, siccome era ormai un falso capodanno, decisero anche di fare dei falsi regali, senza valore, tanto per ridere! Da allora ogni anno, il primo aprile, si usa fare degli scherzi… direte voi: Che cosa c’entrano i pesci con questa storia? Si dice che uno degli scherzi del primo aprile fosse stato quello di ingannare i pescatori gettando nei fiumi delle aringhe affumicate (... quindi, evidentemente, morte!) gridando: Ecco i pesci di aprile! Questo perché, nel mese di aprile, la pesca era ancora vietata, essendo i pesci in fase di riproduzione. Da lì sarebbe nata l'usanza di burlarsi di qualcuno, appendendogli sulla schiena un pesce disegnato su carta e poi ritagliato... insomma: il 1° di aprile è l’occasione per fare scherzi alle persone ignare e credulone! Io non so se questa storia sia vera: Ve la trasmetto così com’è... ci sono anche altre spiegazioni, come quella che si riferisce al fatto che, all'inizio di aprile, la luna esce dal segno zodiacale dei Pesci (però questo fatto non spiega che cosa c’entrino gli scherzi e le burle). Comunque, in molte nazioni del mondo, il "pesce d'aprile" ogni anno colpisce ancora e rappresenta un’occasione di divertimento per molti, soprattutto per chi fa gli scherzi: Un po’ meno per chi li riceve.  
     
 

Pesce d’aprile nel mondo

 
     
  Il primo d'aprile, non è una festa solo italiana. È una tradizione che, con sfumature e nomi diversi, vive in gran parte del mondo. Ogni paese ha un suo modo di chiamare la festa del primo aprile.  
     
  In Francia, come del resto anche in Italia, si usa invece l’espressione Poisson D’avril (pesce d’aprile), in riferimento al Sole che, alla fine di marzo, lascia il segno dei Pesci per entrare in Ariete.  
     
  In Germania Aprilscherz è più semplicemente lo (Scherzo d’Aprile). La festa del Pesce d'aprile viene festeggiata il 1 aprile in diversi paesi. In quel giorno vengono fatti scherzi detti appunto pesci d'aprile anche piuttosto sofisticati con lo scopo di mettere le persone in imbarazzo.  
     
  Nei paesi anglofoni, come il Regno Unito e gli Stati Uniti, la ricorrenza del primo aprile si chiama April Fool’s Day (Il giorno dello sciocco d’aprile), dove il termine fool richiama alla mente il Fool, il folletto delle corti medioevali, sottolineando così la connotazione scherzosa della festa.  
     
  In Scozia, invece, il pesce d'aprile dura due giorni, il secondo giorno è chiamato Taily Day (giorno delle natiche), gli scozzesi si divertono attaccando sul fondoschiena del gawk, lo sciocco, un cartello con la scritta kick me, prendimi a calci.  
     
  Dall'altro capo del mondo, invece, bisogna aspettare la fine dell'anno. Il 28 dicembre, in Messico, si festeggia il Dia De Los Innocentes che nonostante ricordi la strage degli innocenti compiuta da Erode è il contraltare del nostro primo aprile  
     
  Anche nel sud est Asiatico ci sono tracce di questa manifestazione, la data è diversa. Per esempio, in India le danze iniziano il mese prima, il 31 marzo, durante una festa secolare chiamata Huli dove è prassi prendersi gioco dei conoscenti facendo compiere loro peripezie inutili.  
     
 

 
     
     
     

 

 

 

Menu